Interview With DeeCRACKS

Hello guys, how are you? Welcome back to IBR headquarters once again! It’s a pleasure to chat with you again!
MIKE: Ciao bello, thanks for having us back. All is good here, hope things are great for you as well.

So, September 5 2012. It’s a very important date to me. Well, being that you guys are such a hard-working band, this day doesn’t make a lot of sense to you but actually it was the date of the first show I booked (together with my buddy Ame) since I moved to Milan. IBR wasn’t a thing at the time but I clearly remember everything and that show really pushed me to start doing something (that I hoped would be cool) in Milan. Do you remember that show/weekend we spent together?
MIKE: Of course, I remember, we were with our Chinese bassplayer Zhong at the time and it was one of the first shows of a month-long tour. It was at Ligera and you got us some great pasta, from your mom or grandma if I’m not mistaken. You did a great job there and were a gracious host. Your apartment was lovely too. Do you still live there?  There was this abandoned building next door, which our GPS told us was actually your place (haha). I’m happy it wasn’t!

Yes, I still live there but the abandoned building is now destroyed!ahahah! So 8 years later, and after thousands of shows, what has changed for DeeCracks? (Don’t say bass-players! 🙂 )
MATT: Not very much really, We all have gotten a little older but I’d like to say the attitude hasn’t changed.

In Addition to DeeCracks, you all have different side-projects (Matt with Ratcliffs & Jagger Holly) (Mike … I can’t count how many bands that you play with) how do you manage to keep up with all of those different obligations? Also, a bit of news over the past few days. It was announced that Mike will play the drums at Punk Rock Raduno for the Mopes, how did this amazing opportunity come about?
MIKE: Yeah, it’s so awesome! I can’t wait for that show! I’m really excited for it. Basically Jughead texted me to see if I could play at Punk Rock Raduno with Mopes and of course I said yes. Jughead teamed up with us and Will from Zatopeks to do a special Screeching Weasel/Mopes/Even in Blackouts set at our Sweet Sixteen Festival last September, so I guess, he must have liked the way I played there. I’m super happy about it! I’m always grateful when someone approaches me to fill in or play in a band with them, it’s always an honour and it fills my heart that people dig my drumming, after all, it’s my happy place.

Let’s talk about Punk Rock Raduno. It’s not the biggest festival, but I’m pretty sure it’s one of the most beloved festival in the world. Being that you played/attended at every edition, what are your feelings about the festival? And what do you think is the secret behind the success of the festival?
MATT: Hm… well if you are looking at Europe during springtime and summer you might have noticed there’s a ton of festivals going on! If you ask me, there’s way too many. Every now and then we are playing some of them but I have to say I don’t really like it. It’s just very unpersonal and stressful. Raduno feels a bit different though. It feels more like a family reunion, you know? Everybody’s there for the same cause! Bands and fans! It’s like amongst all of those parties there’s one just for us!

It’s pretty well-known that way back in 2013, you were banned from USA. I don’t wanna go back to that infamous story but is the ban permanent or are you working on finding a solution to be able to go back to USA?
MIKE: Yeah, it’s a never-ending story really. As of now we are still banned, but we are still trying to make it back there one day. Never say never! Maybe once Matt will write a worldwide sensational big hit song, we’ll make it (haha).

Although this sad story might have demoralized a touring band, you rolled up your sleeves and toured everywhere possible. We’re talking Russia, Israel, China, Mexico, Turkey, just to name a few, most of which are not really conventional destinations for punk rock bands. What can you tell us about the punk rock scene in those countries? Leather jackets and ripped blue jeans?
MATT: Our main goal has always been getting around as much as possible. We hardly ever turn down offers, especially when it’s about shows or tours abroad. The cool thing about punk rock is that it connects the people all over the world. Scenes are the same everywhere.
Of course there are cultural differences In different places. Like for example Japanese bands practice hard until they reach perfection, while we don’t (haha). And by the way, no one should be “demoralized” because they got kicked out of the USA.

Last summer you guys did a great tour with the legendary CJ Ramone. How it was? What can you tell us about CJ? How is CJ behind the curtain? Any funny stories you would like to share with us?
MATT: We like to remember it as the ‘No AC Tour‘. It was kinda hard because last summer was brutally hot… But every show was great! It was professional to a certain degree (which we aren’t really used to), but the atmosphere was super relaxed! CJ is a great guy and really down to earth and yet absolutely aware of how big of a impact the Ramones were on thousands and thousands of people (was and still are) We were really grateful that he chose us to support him on his (final???) Euro tour. And yes, there are some funny stories but I don’t think I wanna share them here (haha).

Let’s talk about records, Sonic Delusions is your latest full length album and two years later, are you satisfied with the final result? What is the general feedback or opinions that you got from friends and fans? What’s it like being on a major label now?
MIKE: Yeah man, it’s been great. Our fans really seemed to enjoy it and thanks to Pirates Press Records we found some new listeners, that we hadn’t reached before. I wouldn’t do anything differently with it really, maybe the artwork wasn’t our strongest, but that’s a matter of taste. We wanted to stick out and be different then the other bands on PPR, not only sound wise. So, it was all good. It’s not a major label though, it’s a very ambitious punk rock indie label that’s turning the right screws. We’re really happy to be a part of it and thankful for the opportunity. We like the fact that we got a special place in their hearts also, as we are a little different. Pirates Press and DeeCracks is not an obvious fit, but they took a chance on us and we took a chance on them, and we both thrived with our matching work ethics, vision and spirit. So, in my mind, it’s perfect.

For your upcoming italian tour you will release a new 7″ “…Can’t Get It Right” through Striped Records and Bad Man Records which has two brand new songs and two songs that were previously released on compilations. What can you tell us about it? I had the chance to listen to them ahead of time (thanks for doing that!!!) and I can say it’s another solid release in your discography!
MATT: Well the “new” songs are actually taken from the 2017 Sonic Delusions session. We always record extra material for 7″s, compilations and so on. (well I guess every band does that…), “Killed by Death” was featured on the Mom’s Basement‘s HEAD tribute compilation and then there’s a newly recorded version of the song ‘Caroline’ (the original one was part of the OCW 30 seconds songs compilation). We are really happy to have Striped with us for this one since they always did a great job taking care of our merch!

Whats next for you guys after the Italian Tour? New album? Big tour in the farest corners of the world?
MIKE: You know us, there is no stopping us from hangover hoppin’ all around the world. We’ll be hitting the road again in April around Europe, mostly Gemany, Austria and bella Italia. In May we will record a new album, Pirates Press is gonna release it once it’s ready. So we’re looking forward to that. We will be touring in France and Spain in fall and we’ll do Japan again sometime in 2021. That’s all, more definite plans will come once the new record is ready, so stay tuned.

Before letting you go, this is your chance to say what you want to say and ask me a question!! It’s always a big pleasure to talk to you, see you at NoReason Fest!
MIKE: Andrea, thanks again for the interview. Hope you enjoyed it as much as we did. But what can I ask you? Hmmm… Can I just ask you to just keep up the good work? Keep booking and playing shows, keep IBR and your bands alive, help shape and build the Italian punk rock scene and bring it to the rest of the globe… just keep your heart out there and keep being you. Can you do that for me?

Oh sure, Mike! I will never give up my friend!

Special Thanks Goes To John Proffitt Jr. for editing the interview

HEAD Tribute Album – Mom’s Basement Records presents DeeCRACKS

We’re down to less than two weeks and the Punk Rock Raduno starts. I’m really thrilled about the idea. Every Punk Rocker from Europe waits all year long for those 4 days. It’s a long party with your best friends from other countries. Anyway, why are we talking about Punk Rock Raduno? Well, it’s because today we are gonna announce DeeCracks from Vienna, Austria are not only officially the first band to play for a second year at the raduno but they are also one of the many killer bands on the HEAD tribute!There are not many things to say about DeeCracks, I’m pretty sure that everybody that is reading this post knows them well enough, I could tell you that I personally really love these guys for many reasons first of all because they are good friends and I have lots of good memories related with them. Including my first show booked in Milan since I moved here, even before IBR was born.What did DeeCracks have to say about HEAD? “We absolutely love pure, energetic, straight up rock ‘n’ roll played by bands with an uncompromising down to Earth attitude! HEAD was always very inspiring to us for doing and being just that! Heil HEAD”The song they picked for the tribute comp is “Killed By Death” which is the B-side from the 2007 ep “Spend the night alone” 7”. Deecracks are another one of the many reasons that the HEAD tribute comp is going to blow you away this summer. Stay tuned for more band announcements over the next few weeks!

Info about Punk Rock Raduno

E’ sulla bocca di tutti ormai da tempo, quindi non servono grandissime presentazioni, sicuramente diffondere il comunicato ufficiale può aiutare a fare un po’ di chiarezza a chi ancora ha qualche dubbio o perplessità. 
La mia opinione è che sarà davvero una bella festa, oserei dire in famiglia. Tanti amici, tante band, tanta bella musica e i soliti accordi per quattro giorni. Non basta?
Nel nostro piccolo, stiamo cercando di dare il nostro contributo così unendo le forze con altre realtà come S.N.A.F.U., No Reason Records e Poison Heart ‘Zine (rip) abbiamo deciso di realizzare una fanzine in vecchio stile. Nessuna anticipazione – anche perchè siamo nel bel mezzo dei lavori – mi permetto di dire a nome di tutti che siamo davvero orgogliosi di come si sta evolvendo consapevoli che sarà davvero un bel “giornalino”. 
A quanto pare sono rimasti pochi posti liberi nell’ostello punk rock, quindi consiglio vivamente a chi avesse bisogno di un posto letto di prenotare. Concerto esclusivo e compilation del Raduno incluse nel prezzo. Mica male.
 
Otis Tours e Stripedmusic.com present:
Punk Rock Raduno
July 14-15-16-17 2016 Edonè – Bergamo
Innovative, free admission, all ages, open to everyone and to all kinds of ideas. Andrea Caredda (the Manges, Veterans, Striped Music) and Franz Barcella (Otis Tours, Edonè, Radio BAM!) have spent a big part of their lives being active in the underground scene, and they are now working together on a new festival, based on the very simple concept:
“what if we bring together all the labels, distros, bands and artists of the International punk rock scene, in a single, open event?”
Not a single brand. Not built around a single name, or a star. Just a showcase, and a rally (“raduno”), for a part of the underground that never stopped being active, and also a great party that everyone is invited to join.
This is the first edition line up:
Thu July 14 2016 // WARMUPSHOW (20:00 – 24:00) 
DEECRACKS (Austria)
MIDRAKE (Switzerland)
SUGUS (Spain)
MEGA (Italy)
Fri July 15 2016 // DAYONE (20:00 – 24:00) 
CHIXDIGGIT! (Canada)
JIMMY VAPID (Canada)
TOUGH (Italy)
VOLKOV (Italy)
Sat July 16 2016 // DAYTWO (15:00 – 24:00) 
THE MANGES (Italy)
ZATOPEKS (UK)
BABY SHAKES (USA)
MUGWUMPS (Austria)
THE LEECHES (Italy)
LUCY AND THE RATS (UK)
THE RATCLIFFS (Austria)
Sun July 17 2016 // #FILLERDAY (12:00 – 20:30)
SLANDER (Italy)
COUNCIL OF RATS (Italy)
TEENAGE BUBBLEGUMS (Italy)
Chixdiggit! European exclusive gig for their 25th anniversary? Check!
Zatopeks celebrating their 15th? Check!
Jimmy Vapid playing The Vapids hits backed by the MugwumpsCheck!
Punk Rock Raduno will take place at Spazio Giovani Edonè in Bergamo, a multifunctional venue already known for underground events like Bergamo Sottosuolo, The Exhibition Night, Monster Zero Summer Mash, Vintage Roots Festival, Bergamo Reggae and more.
To help all the people that will attend from out of town (and out of Italy), taking advantage of the (very close) Bergamo international airport, and to create an original “festival experience”, the dedicated offer is #punkrockhostel In the event days, the high-quality Bergamo Hostel, located in Monterosso (10 minutes walk to the venue) will accept only the festival crowd and artists. Beside accommodation and breakfast, the guests will receive a copy of the Punk Rock Raduno compilation, gadgets, and access to an exclusive secret show that will take place in the hostel. It is still possible to book accomodation at:
The punk record labels that will take part in the first edition are Surfin’ Ki Records (Italy), It’s Alive Records (USA), Monster Zero Records (Austria), Striped Records (Italy).
They will have at least two bands of their roster playing at the fest, and they contributed to the release of a vinyl LP of the Punk Rock Raduno. 18 previosly unreleased or rare songs from the 18 bands composing the festival line up. The record will be available at the event, and hostel guests will get a free copy. And there is more: DJ sets, Ramones.World exhibit, merchandise and records vendors, the Punk Rock Raduno fanzine.
Edonè is also an excellent hangout for food&beverages lovers, with his choice of restaurant, pizzeria, burgers, cupcakes, Italian specialties, cocktail bar. The Sunday July 17 will be dedicated to a special edition of Filler, the Italian convention of skate/punk/hardcore/DIY art and illustration.
Discover more at www.punkrockraduno.com

DeeCRACKS in Studio

Da queste parti abbiamo sempre avuto molta stima e affetto per questi ragazzi austriaci.
Più volte ospiti alle nostre serate, abbiamo avuto modo di conoscerli, di apprezzare la loro musica, la loro simpatia ma soprattutto la loro attitudine:  punk rock 100%.
Dopo lo split con i Windowsill e il Greatest Hits China Tour Edition, i ragazzi hanno iniziato a lavorare su nuovo materiale, così con ben 22 canzoni pronte, Matt, Mike e Paul da qualche giorno sono a Klagenfurt, chiusi  in studio, per registrare il loro nuovo album, il quarto della loro fantastica carriera.
Registrazioni, mix e master sono opera di Marco Perdacher, ex-Cretins, che da sempre cura le produzioni dei DeeCRACKS.
Ancora non si sa quale etichetta produrrà il lavoro dei nostri austriaci preferiti, che sia giunto il momento di fare il fatidico passo in avanti? Aspetteremo con ansia!
Dimenticavo, il 14 Luglio suoneranno al warm-up show del Punk Rock Raduno, speriamo ci sarà l’occasione di gustarci qualche pezzo in anteprima del nuovo album.

Monster Zero Summer Mash 2015

Dopo il successo dello scorso anno torna in Italia, per la seconda volta il Monster Zero Summer Mash organizzato da Kevin Aper e la Monster Zero Family in collaborazione con la Otis Tour.
Non ho mai amato i festival per mille motivi diversi, ma al MM devo dire che si respira proprio un’atmosfera diversa: non è come quei festival abominevoli (qualcuno ha detto Rock In Idrho???) con gente a caso ma è una vera e propria festa tra amici provenienti da tutta Italia e da ogni angolo d’Europa (maggiori info qui).
Per un weekend l’Edonè di Bergamo sarà quindi il fulcro del punk-rock europeo e la presenza sarà davvero obbligatoria per tutti gli amanti del genere e della musica indipendente.
Inoltre l’ingresso è pure gratuito, non ci sono proprio motivi per lamentarsi!
Il giovedì ci sarà anche un bel warm-up con il Pre-Party MZSM: dj-set di Simo Riccobelli e show acustici a sorpresa.
Le band che si “sfideranno” a colpi di 3 accordi e tante belle melodie saranno:

The Yum Yums (NO)
DeeCRACKS (AT)
TOUGH (IT)
The Mugwumps (AT)
The Apers (NL)
Maladroit (FR)
The Chromosomes (IT)
RICCOBELLIS (IT)
The Ponches (IT)
NEON BONE (DE)
Midrake (CH)
MIGHTY GOOSE (IT)
The Vaseliners (IT)
Funshine (AT)
Hakan (IT)

Riepilogando il programma è il seguente:
Giovedì 30 Luglio
MONSTER ZERO Welcome Party
Dalle 21:00: Special acoustic & DJ sets

Venerdì 31 Luglio
MONSTER ZERO SUMMER MASH – Day 1
Inizio live alle 19:45
DJ sets dalle 23:30 til 02:00

Sabato 01 Agosto
MONSTER ZERO SUMMER MASH – Day 2
Inizio live alle 14:30
DJ sets dalle 23:30 fino 02:00

Durante le giornate di venerdì e sabato ci sarà un contest su Instagram con tante belle sorprese in regalo. Per maggiori informazioni seguite il profilo su @monsterzerorecords per partecipare.
Per quanto riguarda il pernottamento, le strutture più vicine alla location sono l’ Ostello di Begamo ( dovrebbe essere già tutto prenotato, ma tentar non nuoce) oppure il B&B Hotels Italia, hotel a 3 stelle che per l’occasione avrà prezzi vantaggiosi: 80 EU per una tripla e 67 EU per una doppia, colazione inclusa.
Ricordatevi di far presente che siete lì per il MONSTER ZERO SUMMER MASH FESTIVAL.
Buon divertimento!

Battle Of The Bands

Bom Prò – Autobus N° 7

Che li si conosca o meno, i Bom Prò da Livorno sono quasi 20 anni che suonano e nonostante il tempo passato hanno mantenuto inalterato lo spirito che li ha sempre contraddistinti, ossia quel sound anni ’90 marchiato tricolore che tanto ci ha faceva battere il cuore, ormai anni fa.

In Autobus 7, tra momenti di alta goliardia/genuina “idiozia” (nel senso buono del termine sia chiaro, vedi Trombadaria, BirreQuaglia Innamorata) e sprazzi di maturità (Autobus n°7) i vecchi punk-rockers livornesi, a mio avviso, azzeccano l’album condito con ottimi cori  scuola Flower-Punk e con due cover, I Can’t be, già comparsa nella Compilation Tributo dei Ramones, e Forza Sugar dei Rockin’ Horse. Fare un album in italiano è ormai utopico ma i ragazzi hanno dimostrando che con il giusto spirito tutto è possibile.

Durango 95 – Fuckin’ 40

 

 

Ho ricordi vaghissimi dei Durango 95, ricordo un lontano passato come cover/tribute band dei Ramones ( il nome è comunque abbastanza eloquente) e poi niente più.
A distanza di tanti anni, ho nuovamente notizie da parte loro, da quello che ho capito Ivano si è circondato di ex-membri dei Cani Pazzi e ha sparato fuori questo disco.
E’ punk rock in italiano, ben suonato, ben prodotto e con dei bei cori ma che a volte cade davvero troppo nel banale (caratteristica comunque frequente del punk-rock in italiano ,eh).
Gli spunti interessanti ci sono vedi, Fottuti 40, Un incubo, Happy (con la presenza di Ally Bubblegum), a voler dimostrare che non è necessario parlare di canne e sbirri per fare del buon punk-rock in italiano.
Scelta coraggiosa coverizzare in italiano (Lo sceriffo, Death or Glory, E’ tutto ok) ben 3 pezzi di 3 mostri sacri che a dire il vero non mi convincono affatto. Sinceramente mi aspettavo molto di più da chi gli anni ’90 li ha vissuti in pieno, ma il mio parere vale davvero zero e sono certo che a molti altri quest’album sarà piaciuto e piacerà.

Cavaverman – 8​-​bit From Hell

Ho già avuto modo di parlare dei Cavaverman (ex-Viboras) lo scorso anno con la recensione di James Dead Again, ci lasciarono con un bel disco dal sapore Misfits/periodo Graves. E questo nuovo ep, continua sull’onda precedente a voler dimostrare che la passione per zombie, videogames 8-bit (leitmotiv dell’ EP) è eterno anche se i 20 anni li hai già passati da un pezzo. Suonato bene (ma son certo che son in grado di fare ancora meglio) spicca senza dubbio la voce del cantante, incredibilmente potente e da sfruttare in pieno nelle prossime uscite (a quanto pare stanno lavorando a un nuovo album). Noi li aspetteremo con molta curiosità. Merita l’ascolto.

 

Honey – Honey

 

Adesso è il turno di parlare di un nome nuovo. Oddio, non proprio nuovo visto che mi hanno scritto tipo mille mesi fa, mille volte e solo ora mi sono messo a recensire l’album. Bene, gli Honey sono dei giovanotti della Romagna – nuove leve per intenderci – ma che sanno il fatto loro. Si parla di punk rock/hardcore melodico anni ’90, colpisce la buona tecnica di base e un’ottima conoscenza dei “principi fondamentali” del periodo,
Pur risultando in alcuni casi un po’ acerbi e violando ben due delle mie regole musicali (mai superare i 2:30 minuti e mai chitarre in levare), mi sento di promuovere i ragazzi aspettando con curiosità nuovo materiale. Ah, la Morning Wood Records, label olandese, ha pubblicato il disco. Che ci abbiano visto lungo?

 

Dee Cracks/Zatopeks – Behind the spotlight

 

 

C’era una volta Dee Dee Ramone, bassista della band più figa di tutti tempi che prese una clamorosa sbandata per il rap, abbandonò tutto, cambiò nome d’arte e incise Standing In The Spotlight. Riscontri negativi del periodo a parte, sin dal mio primo ascolto ho sempre considerato l’album una piccola gemma: lo stile di Dee Dee è il migliore anche quando vuol far cagare.
A distanza di 25 anni, Dee Cracks e Zatopeks, in collaborazione con Striped Music e il Ramones Museum di Berlino, si sono uniti per omaggiare la loro amicizia e il compianto Dee Dee interpretando due pezzi a testa e dandoci un’idea di come avrebbero potuto suonare i pezzi in chiave-Ramones: i DeeCracks pescano Brooklyn Babe e Poor little rich girl, Zatopeks rispondono con Mash Potato Time e Baby Doll.
I pezzi (praticamente i miei preferiti) e gli interpreti – bene o male – li conosciamo tutti e sappiamo già cosa aspettarci: questo disco oltre ad essere un bel pezzo da collezione è il giusto e passionale omaggio verso un vero e proprio “Re“. Da avere assolutamente.

 

Dee Cracks – 2014 – Beyond Medication

Tornano i miei austriaci preferiti, e lo fanno in grande stile.
Dee Cracks ci avevano lasciato nel 2013 con un fantastico 7”, Call It A Day – che ho letteralmente consumato – e si catapultano nel 2014 con un nuovo album Beyond Medication che è clamorosamente bello. Reso disponibile in streaming il mese scorso, il disco è stato ufficialmente pubblicato il 1° Aprile; al momento disponibile solo il CD e in cassetta, a fine mese vedrà la luce anche il vinile, 500 copie di cui 100 in edizione limitata metà nero, metà bianco.
Matt e Mike (purtroppo Manu da qualche mese ha lasciato la band) hanno trovato il supporto di ben tre etichette: ovviamente la Monster Zero (LP/CD/MC) che segue e supporta i ragazzi sin dagli inizi, la nipponica Dumb Records (CD) e infine l’austriaca Turbo Tapes (MC). Registrazione, mix e master sono stati realizzati, come sempre, da Marco Perdacher al DESSS Records di Klagenfurt.
Aspettavo con ansia questo disco ed ero davvero curioso di ascoltare cosa avrebbero proposto i ragazzi, mi aspettavo il salto di qualità, e devo dire che c’è stato. I ragazzi hanno ripreso il percorso intrapreso con Attention! Deficit Disorder e le intenzioni sono state chiare sin dalla presentazione del 7” apri-pista, Adderall ( farmaco per “curare” proprio il deficit disorder). La formula è rimasta la stessa: il vocione di Matt che ricorda mille sigarette e litri di whisky, i coretti poppettosi di Mike e Manu, melodie degne del miglior power-pop, tastierine al momento giusto, e schitarrate potenti come un pugno in mezzo i denti. Ma quindi qual è il passo in avanti?
Beh secondo il mio modesto parere, l’album rispetto al precedente suona più maturo, i brani sono più compatti e sono terribilmente fichi, dal primo all’ultimo. Dopo il primo ascolto, già ricordavo parecchi ritornelli (parola di uno smemorato).. e se ascoltare tutti i giorni un album con ben 15 pezzi (nella versione digitale c’è anche la cover di Juliet)  non mi stanca, è segno che questo disco resterà a lungo sul mio giradischi.
Todo El Mundo Está Enamorado intro surfeggiante secondo tradizione Queers, Dead End Mission (sai che bomba dal vivo? finger pointing d’obbligo), Charité Forever, Adderall, Don’t Rely On Me (il mio pezzo preferito!), Nothing Matters, No Way Back (super-bomba!), Please Hold On, Stroll The Streets sono i miei pezzi preferiti. Si, lo so..sono praticamente tutti. Metterei anche Summer’s Gone tra i pezzi più belli, ma l’estate deve ancora arrivare e al momento non ho voglia di pensare alla nostalgia delle birrette in riva al mare.
Insomma, è presto per dire se è il miglior disco del 2014, ma Beyond Medication mi ha davvero entusiasmato e non ho dubbi che finirà sul mio personalissimo podio.
A Maggio saranno in Italia con i Capitalist Kids, segnatevi il 15 Maggio. Super Evento. I Buy Records Night #2.

TRACKLIST:
SIDE A
01 – Todo El Mundo Está Enamorado
02 – Dead End Mission
03 – Terminal Deadness
04 – Charité Forever
05 – Let’s Get Locked Away
06 – Down Out And Low
07 – Adderall
08 – Don’t Rely On Me
SIDE B
09 – Nothing Matters
10 – Move On
11 – No Way Back
12 – Please Hold On
13 – Crazy Girl
14 – Summer’s Gone
15 – Stroll The Streets
16 – Juliet (Bonus Track for Digital Download)

BAND:
Matt C. – vocals/guitars
Mike C. – drums/vocals
Manu C. – bass/vocals

CREDITS:
All songs written and arranged by DeeCRACKS
Recorded, mixed and mastered by Marco Perdacher at DESSS Records in Klagenfurt, Austria
Guest 1-2-3-4 on track 1 by Jarvis Fugger (4 years old – Kid from DeeCracks’ Monkey Boy – Video)
Guest vocals on track 14 by Connie Dee – recorded by Marco Perdacher at his bedroom
Additional Farfisa by Lightnin Iris (The Incredible Staggers) recorded by Shakin Matthews (The Incredible Staggers / Sado-Maso Guitar Club) at 120dB Record Studio in Graz, Austria
Bonus track Juliet written by Robin & Maurice Gibb
All artwork by Steve Little Fingers from Screen Addicts
Studio Photos by Ingo KarnicnikScreen Addicts
Live Photos by Dieter Fliety DeJonghe

Dee Cracks + The Apers + 20 Belows + Tough – 14.09.2013 – Live @ Stereo ( Klagenfurt )

Il 10° Anniversario dei Dee Cracks proponeva una gustosissima abbuffata di punk-rock cosicchè I Buy Records! non poteva mancare a maggior ragione per supportare i ragazzi dopo la recente disavventura negli Stati Uniti, cosicchè, in gemellaggio con la caserma SNAFU, si decide di fare una bella macchinata in direzione Klagenfurt, Austria.
Il compleanno dei panzer austriaci prevedeva due giorni di festa, il venerdì era la serata amarcord con le reunion dei Cretins (in pratica i Dee Cracks stessi con una seconda chitarra) più altre 3 local bands: i Boysclub che da quanto pare suonano davvero pochissimo i Rodriguez e Springy Pinestix: a quanto pare entrambe le band non suonavano da una decina d’anni.
La serata del sabato è stata invece un vero e proprio International Punk Rock Party con i nostri Tough, i 20 Belows dalla Danimarca, gli Apers dall’Olanda e ovviamente i Dee Cracks. A quanto ci è stato riferito, la serata del venerdì è stata un vero trionfo, tra le 250-300 presenze! Peccato che noi ovviamente siamo arrivati giusto per il sabato e il pubblico era decisamente inferiore: sembrava di essere in Italia visto che i locals hanno criminalmente latitato e siamo stati in tanti dal Belpaese ad esserci mossi per mostrare il nostro affetto verso i Dee Cracks. Come si dice…Nemo propheta in patria.
Comunque, lasciamo da parte le polemiche e parliamo di questa bella festa. A riscaldare la platea c’hanno pensato i nostri Tough. Come al solito prestazione massiccia, mezz’ora super intensa continuando la promozione dell’ ultimo album Four ( a mio avviso uno dei migliori album che ho ascoltato del 2013) eseguendo We Gotta Go Tonight, Pleasant Valley Sunday, Silly For Sally, Hey Baby Monster! alternandoli con pezzi delle precedenti fatiche come Johnny is a marshal, Got a Problem, Radio Pop..ecc ecc. Chiusura strappa-lacrime con Claire degli Stinking Polecats.
Cambio di palco ed è il turno dei 20 Belows. Amici di lunga data e compagni dell’ultimo ( o penultimo..vedi tu come definirlo) tour in USA con i Dee Cracks, i 4 danesi nonostante abbiano suonato davvero poco nel 2013 non sono sembrati affatto arruginiti, anzi devo dire che mi sono sembrati parecchio in forma!For Better Days, Repress, Momentum, Someday Somewhere, Nightmare,Agree, Staying In ecc ecc) hanno pure presentato un pezzo nuovo, My Song, che suppongo sarà presente nel 7” prossimo in uscita che aspetterò con ansia magari con un nuovo tour che tocchi anche l’Italia.

 

Quindi è il turno degli Apers con Simone Riccobelli (ottima performance, bravo!) alla seconda chitarra. Anche loro non suonavano da tantissimo tempo ma quando c’è talento e passione,  possono passare mesi e mesi senza suonare che si è in grado di suonare alla grande. E l’hanno ampiamente dimostrato con una ottima performance prendendo pezzi : Word is Out, Only The Grim Reaper, Friday Night Killed Saturday Fun, Too Many Backpacks At The Show, Said You’d Call Me, Please Come Back To Me (I Can’t Live Without You), l’omaggio ai Dee Cracks con Monkey Boy, Something More To Someone Else, Wait a Little Longer, It’s All Over You Know, Whatever it takes, Everyday Is A Rock n Roll Day, Jagerbomb e l’immancabile tributo ai Ramones con Bonzo Goes To Bitburg. Come al solito grande spettacolo e tanto divertimento, come da manuale del punk-rock.
A chiudere la serata, ovviamente sono stati i Dee Cracks. I wanted it all, Monkey Boy, The Hangover Hop, Ritalin For Lunch, Beach 90, Rat In A Trap, It’s Always Been This Way, You Messed My Head Up, un paio di nuove canzoni e infine chiusura con cover ad oltranza tra cui l’immancabile Banana Brain dei Mugwumps, Baby Baby dei Vibrators e This ain’t Hawaii degli Screeching Weasel, giusto per citare qualche pezzo.
Al momento sono davvero poche le band in grado di mostrare qualità e soprattutto dedizione alla causa come fanno questi 3 ragazzi austriaci. E’ stata la prima cosa che ho notato quando, tempo fa, ho avuto modo di conoscerli personalmente. Basta vederli dal vivo almeno una volta per capire cosa intendo: suonano per divertirsi, per divertire ma soprattutto perchè credono in quello che fanno… e questo non può che essere che un bene in una scena sicuramente in crisi e che soffre di staticità.
 Ancora auguri ai Matt, Mike e Manu per una luminosissima carriera e per altri dieci anni ricchi di soddisfazione. Go Monkeys!

Dee Cracks + Teenage Gluesniffers + Pejote Candies – 06.04.2013 – Live @ Arci Blob (Arcore, MB)

Con il proverbiale ritardo che mi accompagna nella stesura di recensioni o live report, oggi parlerò del recente passaggio degli austriaci Dee Cracks dalle nostre parti. La salute a dir poco cagionevole mi ha obbligato a saltare il MONDO BIZZARO FEST. 1, quindi per recuperare e non perdermi il concerto di questi grandissimi amici devo rinunciare a vedere i Manges: le premesse non sono quindi delle migliori, ma con tanta buona volontà e sicuri di divertirci ugualmente ci si dirige di nuovo presso la terra del Cavaliere.

In un Arci Blob non proprio affollatissimo, sono i Pejote Candies ad aprire la serata. Si presentano come cover band con voce femminile (buona) con un repertorio piuttosto interessante.

Il problema è che se fai solo cover le devi fare bene, o comunque interpretarle bene. Posso accettare che mi sbagli gli Offspring, posso accettare che mi sbagli i Misfits..ma Rockaway Beach… N-O! Meglio non fare i Ramones. Non si scherza col sacro. Di sicuro si sono divertiti, e l’importante alla fine è questo.

Cambio di palco e tocca ai Teenage Gluesniffers. E già la musica cambia. Oramai li ho visti decine e decine di volte in qualsiasi situazione\condizione e sicuramente continuerò a farlo: presentano la solita scaletta con i pezzi di Chinese Demography (l’album è uscito solo in cassetta; ok è da hipster ma anche anni ’90 quindi va bene!) e come al solito seguo con piacere lo show dei ragazzi. Chiudono con la cover di Summer of ’69, entrata ormai nel loro repertorio. Foto professionale scattata con un cellulare da 50 euroGiunge quindi il momento dei punk-rockers austriaci. Potrei semplicemente scrivere BOMBA e chiudere così!

Gambe divaricate al massimo, pause di pochi secondi e corretti surf-style a supporto della fantastica voce cavernosa “alla Lemmy” di Matt, il tutto con i Ramones nel cuore. Come non volergli bene?

Oltre a presentare i pezzi del nuovissimo 7”, Call It A Day ( …”presto” ne parlerò!) e dello split, The Smile Of The Tiger con i New Rochelles, hanno eseguito anche i classici come I Wanted It All, Monkey Boy, Ritalin for Lunch (con la partecipazione del mitico roadie Michi!), It Has Always Been This Way, Beach ’90 ecc.  più l’immancabile cover di Banana Brain dei connazionali Mugwumps. 40 minuti circa di show e tutti giù dal palco per l’ultima birra e un caloroso arrivederci.

Cari amici americani, i Dee Cracks verranno di nuovo dalle vostre parti per un lungo tour, partecipando anche al prossimo Insubordination Fest 2013… date un’occhiata alle date, potrete avere l’occasione di vedere una delle migliori band europee del momento in azione!