Interview with Joe Queer – PART 2

Well, well. It took a while (ok, 5 years…) but here is the second part of the interview. Here is my suggestion: read the first part (here) and then read this one.  That was a great day, I still remember every single seconds : everything was just incredible, a great day with a punk rock legend. Special thanks goes straight to Enri Gluesniffer because of the help and the support during the inteview,  Matt Failure from Proton Packs because he is the one who transcribed it and Matt Gyver for the italian translation. Without them noone would be able to read it. Thanks. Last but not least, Joe Queer to be so friendly with me and let me post this interview after so many years. Please keep in mind that the interview is really old and in the meantime many things are certainly changed… because I got many requests to publish the second part of this interview… Here you are… enjoy! Can’t fucking wait to see the Queers in few days!

Let’s say an important thing. You contacted I Buy Records just yesterday because you read our interview to your ex-bandmate B-Face (interview is now available at Ramona Confidential) and there is something you want to clarify. Of course we can’t refuse to give you the right space to express your point of view and be free to say what you want. Here you go. What you wanna say about it?

This is the good part. I read that thing and I e-mailed him about it, and you know, i really feel bad about the whole thing, I really care about B-Face. Hugh wanted me to stay with B-Face but it was a fucked up situation, we went from like fuckin’ around in my basement in my restaurant, to be in Rolling Stone Magazine, we were in Lookout Records we got good fucking loyalties and good checks and all the shit fucked up, I did the best I fuckin’ could do but we ended up in a bad spot, people asked B-Face how he putted up with that shit so long but dude, we were travelling around the world, you got your royalties checks and shit wasn’t so bad to be all fucked up, so I write him “Dude, I don’t think I’ve treated anyone so bad , I remember arguing with you but I don’t remember I’ve treated you so bad“. We never stopped in making albums that sold quite well too, we were always touring, i think we canceled one tour in Europe or something because we were all fucked up but we didn’t skip a bit because of it; so everybody loved B-Face and they didn’t love me so everybody was believing in every fuckin’ story and people coming up giving me the finger and I didn’t know why!  What did I do to be so bad? We did good! We were all fucked and that was the magic of The Queers: we were all fucked up! Honestly, I did e-mail B-Face and then he emailed me back but I gotta read it, I rather be friends with him now, because I’m older and I put more value in friendship, whatever I did it wasn’t worth it.  Doesn’t make sense to know who is right and who is wrong in this whole thing.
I talked to Ben Weasel and I was like “Ben, people give me the finger, people that don’t know me: people believe all this bad stuff and nobody talks to me”. Only my close friends like Ben Weasel and Dan Vapid knew the truth about what happened when we broke up. Ben knows about getting some shit, people would fucking hate him, he goes “Dude, most of the people who give you that shit they don’t know you and the only way you’re gonna fucking change right now is to start a new day”. And I fucking just marched through, day by day, and I just kept away from the people who gave me shit, just played the game by my rules and now people know me. It took a while, though.

Do you think the Queers achieved the success they deserve or do you think they could have reached a higher level? Do you have any regrets?

We got to a point when we were able to play a Tuesday night and 200 kids would show up and we got royalty checks and I thought “I don’t give a fuck what happens after this. This is way more successful than I ever thought I would be”. When you have that mindset, it’s all gravy. It’s all gravy when you get 100 kids in Pescara, Italy, on a fucking Monday night. That’s great, you know. I wish we had gone to Epitaph, not because we would have probably made more money – the way I was on drugs it might have killed me, I almost killed myself with the money I had, so if I had earned more I don’t know if I would have made it. But when Mr. Brett talked to me, and I told him I wanted to work with Andy Paley and Brian Wilson he said “That’s how I wanna run my label, I wanna make this stuff happen for bands! That’s why I run a label, more than making money”. That’s why I regret not going and I wished it had happened. I was so excited when Brett talked to me like that.

Also the Joey Ramone 7”

Exactly, and Brett was very tight with Joey! Who know what would have happened. I wasn’t a good businessman. If I had been, we would have done that e.p. with Andy Paley and Joey because we would have jumped on it within a month. I know that now, but back then I thought “I can wait until next year or something”. That’s why I regret not going to Epitaph. But as far as getting as big as Green Day… nah. I don’t think with our name we would have anyway. I didn’t have any illusions, you know.

What is Joe Queer currently listening to as far as personal taste in music? Could you tell us some new bands you really love?

Old stuff like Jan & Dean… cause I would talk to Joey Ramone about it and he loved it, so it was cool to realize he was onto the same stuff. That’s where our hearts were.

It’s very “Don’t back down”style

Yeah, I’ve been listening to a lot of this stuff.

So it looks like the next record will be closer to “Don’t back down”

Yeah, I was talking to Lisa Marr who sings on “Don’t back down” and she just sent me a song I’ve been listening to nonstop. This is a cover she just did for a compilation benefit tribute. It’s an old song from the ‘70s from some unknown rocker. I’ve been getting on some more poppy-type things and some soul stuff as well. There was this band from Brazil that never hit it big and had this one song whihch was great. The lyrics gotta be changed. They had this album on a major label 15 years ago that was never released. I don’t wanna say the name around too much until we get it done, but it’s a really cool tune.

So you almost answered my next question! There are rumors about a new Queers record. Is it true? Any confirmation you can give us?

We’re re-doing Beyond the valley of the ass-fuckers album, which isn’t too poppy. We’re doing it next month and it’s gonna be on Asian Man. Hopeless Records hasn’t paid us in years so I got a lawyer and I was talking to Blag from the Dwarves and he was fighting with Sub-Pop and said I wanna re-record those albums and put them out myself!”. So, we’re re-doing “Beyond the valley”, then we’re gonna record, I’m hoping in May, “Punk Rock Confidential”. We’re gonna film a dvd of the whole thing. We’re hoping to do it in LA. I’m hoping to get Lisa down and my buddy Scott from a great band called the Piniellas from Seattle. Richie Ramone would get to do a cameo, that’s why I wanna do it in LA. Dangerous Dave and Chris are gonna be on it too.
Then I’m trying to get together with Ben Weasel, ‘cause we wanna do this project with Richie Ramone drumming and Ben Weasel singing and me on guitar. But it’s like that Joey Ramone / Andy Paley thing. I realize if it’s gonna happen, I gotta make it happen, cause everybody’s so busy. Richie’s doing a new solo album tour, Ben is always busy cause he’s got a family. But I wanna do that next. And then I got my book. I’m hoping to get done this year and praying to get it out by the end of the year or within a year. It’s gonna be killer, it’s coming out great.

What’s it about? What’s it called?

I can’t say the name because it’s so good I’m afraid someone gonna steal it. It’s centered around the Marky Ramone tour we did. It’s not about Marky Ramone at all, it’s about touring… behind the scenes at the level we’ve kind of had and the stupid shit that happens. It’s about traveling with the band, basically stories. You don’t have to make anything up, you have to just tell the truth, all this crazy insanity. All these tour books are all about these huge stars, the Rolling Stones, Bruce Springsteen. There’s never been a book about a little band, at our level, day-to-day touring, what goes on and whatever. I’m really psyched about the whole thing.
And then te’ll do a pop album next. Lisa will do demos. If this other stuff gets done, then we’ll start it.

You were talking about a new side project of you and your longtime friend Ben Weasel. Could you tell us something about it? Which is the band’s line-up? It’s public domain that Ben Weasel doesn’t like to tour like you. Is there a chance of any live shows?

I don’t know. I did talk to Richie and he was psyched about it. And Ben said “Fuck, I’ll do it”. We’ll be a thing where we’ll play once or twice a year. Those guys are both busy. Richie’s got this cool new solo album and I’m busy with the Queers. The only way that band would play more is if we had a number one hit on the radio, which ain’t gonna happen! I said to Ben “Dude, this is Richie” and to us Ramones fans we always loved Richie, we always looked up to him because he wrote songs too. So I said “Fuck let’s do it!” Richie’s cool as fuck anyway. I met him. I handn’t talked to him in like 20 years and within 5 minutes he was like the long lost friend you grew up with. I’m gonna try to make that happen.

You still haven’t recorded any songs?

No. I only have songs ideas that we’re gonna do. But we got some cool ideas so we’ll see. Ben has written a couple of songs that he wrote for the Queers and we never recorded. I would like to do “I wanna be happy” because Ben and I wrote it and he never got to sing it and he always wanted to. It would be kind of cool because he had a different idea on it and, with Richie drumming, it would be cool. Anyway it’s gonna be a Ramonesy type kind of thing. There’s a couple of songs on Back to the basement that I wanna work on with Ben Weasel and re-write. I also have a couple of originals that I think would be great. I’m gonna try and make this happen. I would be fun.

Every year we hear rumors about it being the last Queers tour and bullshit like this. Instead you don’t give up and you’re still kicking ass after so many years. Do you imagine your life without the band?

People ask once in a while How long are you gonna be playing? I don’t even think about it anymore, to me this is my life. I make a living out of it and at this point I think I’m just gonna keep going and see what happens. I don’t think Ben Weasel thought he’d be playing this long either. We’re all unemployable. What else are we gonna do? Work at the grocery store or Burger King? None of us has a safety net under us. We’re not college educated people, Richie Ramone, Ben Weasel and me. We got nothing else.

Do you imagine your life without the band? Who would be Joe King without the Queers?

I had a restaurant. I was a chef owner, I loved cooking, I was really good at it. Joe’s Place: Screeching Weasel ate there, the guys from Jawbreaker came in. I was in the process of buying another reastaurant in a bigger town near Portsmouth. I had no illusions about the band. I thought we were gonna do another album and then I was gonna buy another restaurant, that’s what I was doing. That’s what I’d be doing without the band.

I Buy Records is a Ramones-nerdish webzine. We have a real obsession for those Forest-Hills guys, so everytime we interview someone, we have the tradition of asking the last question about them. Last year we had CJ’s “Reconquista”, Joey Ramone’s “Ya know?” and Richie Ramone’s “Untitled”. Did you listen to these records? What do you think about them?
Richie’s stuff I loved because we kinda became friends with him and it was interesting what he did. I think “Smash you” was as good as the other stuff the Ramones did, I think it was really cool. It’s cool because it’s the stuff he felt he would have done with the Ramones, had he stayed with the band. We’ve been friends, he just emailed me yesterday. I’m very supportive, I think his album’s great.
Joey’s thing… I didn’t think too much of it… it feels too much like scraping the bottom of the barrel. He told me that he wanted stronger songs, he wasn’t happy with the first album. He said “People will kiss my ass and say it’s great”, but deep down I need stronger songs. “Maria Bartiromo” and “What a wonderful world” he was happy with. I thought it was really cool that he was so honest, that he thought he could do better. I thought some of that album was spotty as a first solo album. This other stuff is interesting. One of his best friends was Evil from the Independents. Joey had it in his will that he wanted Evil to go through his own belongings and tapes and all that stuff.

Do you think there’s more material?
I don’t think there’s too much, according to Evil. He played me a couple of things, songs idea that Joey had on cassette tape. Nothing too exciting, though.

It’s not a secret that the Queers are influenced by the Ramones. What does this band mean to Joe Queer? What are your best memories related to the Ramones?
That was it, you know? I couldn’t believe that these guys were singing about all that stuff I felt, like after high school sitting around, not washing dishes, drinking beer at night. We knew we were smarter than everybody else out there but we didn’t know what we were doing or how to express ourselves and the Ramones came along with “I don’t care”, “I just wanna have something to do”, “Loudmouth”, “Beat on the brat”. We were like “This is amazing! These guys are singing about how we feel, you know?” So we loved them from the word go.
We knew them and we would always get backstage. In ’78 we would get backstage. In 1986 Joey gave me his address and I sent him a 4-song cassette with songs from “Grow up”: Goodbye California, Love love love, I’ll be true to you and I don’t wanna get involved with you. I saw him at a show about three months later, I snucked backstage. The Ramones never had hard security to get backstage but my buddy Kevin who knew them better couldn’t get to the show. So I said “I’m Richard Hell from the Voidoid’s cousin and I’m here to see Joey”. And Monte said “Richard Hell doesn’t have a cousin!” and I said “Joey, this is Joe from the Queers” and Joey said “Monte, it’s cool”. Johnny and Dee Dee were back there playing ping pong, I remember that. Joey knew the Queers because of the tape. He came to me and said “Dude, I gotta tell you… Love love love is a great fucking tune. I would love to cover this song. Goodbye California, I love that tune too because it’s got great vocal phrasing”. We talked about those 2 tunes and, like I said to his Mom after he died, I never forgot that. Joey Ramone, my hero, coming up and saying that! I was astounded, I couldn’t believe it. He knew my songs! I was really insecure and I remember thinking “Maybe I can play music!”, you know? I was walking on the air for 2 months.

So, will you play these songs tonight for us?
I don’t know, man. Maybe Love love love. Goodbye California I don’t think the drummer knows it. But boy, did that mean a lot to me! I didn’t even know if my songs were good, I was an insecure little kid. I needed to be validated by someone, because we didn’t have a following. What a nice person, he was always nice to his fans. He was not like the other guys in bands who always talk about girls and drugs. He liked to talk about music and songs. A friend of mine got to know Keith Richards when then Rolling Stones were in New York and it was the same thing. It was amazing how he was still so much into music, after this amazing career. It really helped me to hear this stuff, you know? It’s great, going down this path, seeing kids, traveling and playing. I would probably have more money now if I had kept that restaurant. But now everybody in my life I’ve known through music; very few people from growing up. You guys, Dave and Chris and Lurch… it’s amazing the life it’s given me, even at this little level. This is the point behind my book. You don’t have to be a big rock star like Bruce Springsteen to get life lessons out of it. You can do it right here at this level. And the thing with music is that you never know around the bend of the river. You never know what’s out that door tomorrow. I know there’s another gig but I don’t what’ll happen next week in Barcelona. Maybe with Richie Ramone, maybe with Ben Weasel, maybe with Lisa Marr, my book… I got the next two years booked and it’s like “I can’t wait!” you know? To be excited about your job and your life is great. It’s pretty amazing, especially from a guy like me who I thought all he was supposed to do was do drugs. That was success to me, to be able to do drugs every night or something like that.

I would like to thank you for inviting me to have this interview. I’m really honered I had this opportunity to spend this moment with you. Is there anything else you wanna add?
No! I think we covered it all and then some!

Interview with John from Mom’s Basement Records



Eccoci qui con un’altra bella intervista. Come probabilmente avrete già visto, negli ultimi mesi abbiamo intervistato tutte le band che hanno contribuito alla realizzazione di “Get Out Of My Club“, è stato un passo dovuto quindi dare la parola a John, boss della Mom’s Basement Records e ideatore del tributo. Buon divertimento Punk Rockers!

Ciao John, come stai?
Ciao! bene, tu come stai?

Bene come al solito, amico! Iniziamo dai! Allora, negli ultimi mesi entrambi abbiamo coordinato un grande progetto che discuteremo un po’ più avanti, ma prima presentati ai nostri lettori. Chi sei?
Beh, mi chiamo John e gestisco una piccola etichetta qui negli Stati Uniti che si chiama Mom’s Basement Records. Ho una figlia fantastica, una ragazza adorabile e un vecchio cane marcio. Per divertirmi mi piace bere birra e ascoltare dischi.

Come ti è venuta l’idea di gestire un’etichetta e come hai scelto il nome? Fai tutto da solo?

Foto gentilmente rubata dall’IG di One Chord Wonder

Erano anni che volevo creare un’etichetta, una volta che è iniziata l’attività della Eccentric Pop Records e ha iniziato a pubblicare tutti questi incredibili dischi ho trovato l’ispirazione per provare a fornire il mio contributo alla mia scena punk rock. Per fortuna, il ragazzo che gestisce l’Eccentric Pop è molto simpatico e mi ha insegnato molto cose su come bisogna gestire un’etichetta indipendente. Non l’avrei fatto senza tutto il suo aiuto, gli devo davvero molto.
Ho scelto il nome Mom’s Basement Records perchè ho passato un sacco di tempo durante l’adolescenza e in parte anche da adulto giù in quella cantina. Inoltre tutto il “discorso basement” con i punx… aveva senso.
La mia ragazza mi aiuta con l’etichetta in molti modi, mi supporta ed è di grande aiuto.

Dovendo dare un consiglio a qualcuno interessato ad iniziare un’etichetta, cosa suggeriresti?
Non farlo! Scherzo, la prima cosa da fare è risparmiare un sacco di soldi e trovare una o due band che ci credono. Dopo prepari un bell’ assegno e inizia ad aspettare con impazienza che l’azienda che si occupa della stampa completi i tuoi lavori sperando che non ci metta l’eternità!

Come scegli le bande che vuoi facciano parte della tua etichetta?
Lavoro solamente con gruppi che personalmente mi piacciono e in cui credo. Non mi interessa cosa fanno le altre etichette e non prenderò mai una band in cui non credo. Haha non ho molto senso degli affari, vero?

Guardando le produzioni di Mom’s Basement Records noto che ci sono molte band europee (molte italiane!). Prima di conoscerti meglio, ho pensato “Questo ragazzo è pazzo” ma durante le nostre chiacchierate alla fine ho capito che questo “business” (ahahahaha) funziona. Ho ragione?
Si! Amo molte band europee! Ragazzi, state facendo un bel lavoro laggiù. Uno dei motivi principali per cui ho fondato un’etichetta discografica è stato quello dicontribuire a portare la scena punk rock europea sotto i riflettori un po’ di più qui negli Stati Uniti. Certo, tutti quelli a cui piace questo tipo di musica hanno sentito parlare degli Apers o dei Manges, ma ci sono moltissime altre band che potrebbero essere trascurate perchè senza promozione o senza passaparola.

Continuando sullo stesso argomento, alcuni punk rockers europei pensano che gli Stati Uniti siano “l’eldorado”, mentre alcuni punk rockers americani pensano che la scena europea sia decisamente migliore. Qual è la verità? È nel mezzo o semplicemente non si è mai felice di quello già si ha?
Non so se posso dire se una scena è meglio dell’altra, ma ti posso dire che in Europa c’è il culto dei Ramones al pari di una religione e io sono un grande fan di questo genere di cose !!! Entrambe le scene hanno comunque tantissime grandi band.

Uno dei tuoi progetti attualmente in corso è Passport Series, fondamentalmente si tratta di uno split 7″ tra una band europea e una statunitense. Vorresti parlarne un po’?
Si! La passport split series è un’idea che ho rubato a un po’ di etichette che hanno tentato di fare questo genere di cose già in passato. Una cosa tipo USA contro Europa. Penso ad esempio allo split Stinking Polecats/Fairlanes o quello Zatopeks/Copyrights (che sono i primi che mi vengono in mente): entrambi sono due split fantastici, ma l’idea è un po’ svanita. Volevo provare a fare le cose in modo un po’ diverso, così ho iniziato la serie passport split. Finora ha riguardato USA/Europa, ma non sarà sempre così, potrebbe essere una cosa Europa/Canada o qualsiasi altra combinazione. È la stessa vecchia idea di prima, tranne che ho intenzione di farla continuare cerccando di lavorare con altre band internazionali di altri paesi. Passport vol.3 uscirà all’inizio dell’estate e il vol.4 all’inizio dell’inverno di quest’anno.

Le domande precedenti servivano per introdurre il tuo ultimo grande progetto – “Get Out Of My Club” – pubblicato appena qualche giorno fa. Nessuno in Europa ha mai pensato prima di Mom’s Basement Records di mettere in piedi un tributo ai Manges, probabilmente il più influente gruppo punk rock europeo. Come ti è venuta in mente questa idea?

Amo i tributi. Il Tributo ai Groovie Ghoulies e quello agli Apers sono molto belli e sono proprio quelli che mi hanno spinto a volerne fare uno. Ho scelto i Manges perchè sono tra le mie band preferite e non si può negare quanto siano importanti per la scena punk rock in tutto il mondo. Lo hanno fatto per oltre 20 anni e grazie a loro sono nati moltissimi gruppi da voi in Italia. Si era proprio in ritardo per un giusto tributo!!!

In questo momento non suoni con nessuno, ma vorrei farti le stesse domande che ho fatto a tutte le band che hanno aderito al tributo. Cosa significano i Manges per te? Se tu fossi in una band, quale canzone avresti scelto da coverizzare?

I Manges sono una delle mie band punk rock preferite di tutti i tempi, pochissime band sono riuscite a prendermi come loro. Sono una delle band più importanti in questa scena. Hanno aiutato a introdurre la scena europea a un sacco di persone qui negli Stati Uniti.
Di tanto in tanto suono in una cover band, abbiamo persino iniziato a scrivere qualche nostro brano ma dopo che ho divorziato è diventato più difficile per me andare a fare le prove e seguire il gruppo, così ogni tanto capita che siamo costretti a fare un concerto quando una band non può suonare a uno degli show che organizzo.
Una cosa buona è che gli altri due che suonano con me sono davvero degli ottimi musicisti. Tengo al minimo il volume del mio basso e cerco di tenere il tempo. Ora che ho finito con le informazioni inutili, ti dico che suoniamo alcune canzoni dei Manges, una è “Get Out Of My Club“, quindi credo avremmo scelto quella!

Noi punk rockers italiani siamo quasi monotematici: praticamente parliamo e fantastichiamo tutto l’anno sul Punk Rock Raduno. C’è sempre un alto livello di eccitazione che circonda questo festival… so che arriverai dagli Stati Uniti per una vacanza in Italia ma soprattutto per unirvi all’armata del Raduno. Sei più gasato per la Pizza e la Pasta o per il Punk Rock Raduno? Quali sono le tue aspettative al riguardo?
Sono veramente impaziente di venire in Italia. Mi gasa l’idea di vedere tante cose e mangiare un sacco di buon cibo, ma in particolare non vedo l’ora che inizi il Punk Rock Raduno. Non vedo l’ora di incontrare tutti i miei amici internazionali di internet e rivedere alcuni di loro che ho già incontrato. Mi aspetto che grazie a tutte le band che hanno già annunciato sarà uno dei migliori festival punk rock a cui abbia mai partecipato. Suoneranno i Windowsill, cazzo. Cosa devo dire più?

Parliamo della tua collezione di dischi. Per favore, elencami:

  • La TOP 3 dei tuoi dischi
  • Almeno, un disco che pensi faccia schifo così tanto che ti vergogni di averlo in mezzo alla tua collezione. Non vediamo l’ora di prenderti in giro!
  • 3 dischi che stai cercando

Non potrei mai scegliere i miei primi 3 dischi! Se dovessi scegliere, direi semplicemente i primi 3 album dei Ramones. Non so se possiedo un disco di cui mi vergogno, sicuramente ho qualche schifezza, dischi che ho ricevuto per scherzo da amici e cose che sono particolarmente orribili.
Mi viene in mente “Chipmunk punk“. È Alvin dei Chipmunks che coverizza “canzoni punk rock” che difficilmente possono essere considerate proprio canzoni punk rock.
Sono un vero e proprio nerd appassionato di per alcune band/etichette che mi piacciono. Se dovessi scegliere 3 dischi che sto cercando disperatamente ti direi:

  • Groovie Ghoulies/Spazzys/Mach Pelican split – Cake Sprit 7”
  • Screeching Weasel – Ramones LP (Tour Edition)
  • Beatnik Termites – S/T EP

Abbbiamo Sempre fatto una domanda riguardo ai Ramones a tutti quelli che intervistiamo, quindi ora è il tuo momento. Cosa ricordi della prima volta che hai sentito una loro canzone? Cosa hai pensato in quel momento?
Non riesco a ricordare la prima volta che effettivamente ho ascoltato i Ramones, li passavano in radio da prima che io possa ricordare, ma ricordo bene la prima volta che mi hanno colpito davvero. Come tutte le band punk rock che ho ascoltato in periodo pre-adolescenziale, è stato attraverso i video di skateboard che ho sentito “I Wanna Live” credo che si trattasse di uno di quei video dove si fa il “salta da un edificio” o qualcosa del genere. Ricordo di aver pensato, “Cazzo, devo approfondire un po’ di più su questa band, poi mi sono diretto da Rainbow Records che erano a circa un miglio di distanza da casa mia e ho comprato Ramonesmania su CD. Il resto è storia o qualcosa del genere.

Penso che abbiamo detto tutto, dai. Qualche richiesta da fare? Adesso è il tuo momento! Ci vediamo questa estate a Bergamo al Punk Rock Raduno!! Gabba Gabba
Sì, vorrei chiedere a tutte le fantastiche band italiane che non suoneranno al Punk Rock Raduno di fare uno show privato per noi a Milano, non ci sarà alcun rimborso e farò le riprese dell’intero spettacolo senza il loro permesso. È una possibilità e se è così, facciamolo accadere, dai. Oh e i Ratbones devono fare un set dei loro greatest hits.

< INTERVISTE PRECEDENTI >

The Manges Tribute Album – Mom’s Basement Records presents Bonus Songs Bands



Le battute conclusive di questo speciale ci portano ad intervistare l’ultimo lotto di band, ossia quelle che per il limite fisico rappresentato dal vinile sono presenti nel tributo solo come bonus tracks per il download digitale. Questo ovviamente non significa che sono meno importanti delle altre band ed è giusto dare un po’ di spazio anche a loro. Andiamo subito al sodo.
Gli Honey, da Rimini sono presenti con una cover acustica, eseguita dal cantante Luca, di Blame Game che ci dice “Da quando abbiamo incontrato i Manges qualcosa è cambiato per noi. Non eravamo molto “dentro la scena” ma improvvisamente ci siamo sentiti parte di una grande “nuova famiglia” sin dal primo giorno e ci sentiamo molto fortunati per aver avuto questa enorme opportunità“.

Facciamo un bel salto negli Stati Uniti, e sentiamo cosa ha da dire Jay dei Prozacs direttamente da Westfield, Massachusetts “Ho scoperto i Manges nel 2000 e fu subito amore dopo aver ascoltato il 7″ di Mandy, canzone che ho scelto di coverizzare di cui mi sento molto onorato. I Manges sono stati molto influenti nel mio songwriting con i Prozacs, mi sembravano onesti, divertenti e catchy, nello spirito di Ramones e The Queers… ero gasato dalle loro collaborazioni con Joe Queer e Kitty Kowalski entrambi miei amici e musicisti che rispetto. Nel 2018, hanno cementato tutte queste cose… insieme ad un grande cuore e un’integrità unica nel mondo pop punk/ramonescore”.

Restiamo ancora negli Stati Uniti, ma in direzione Nashwille per chiacchierare con i Parasite Diet, che hanno deciso di coverizzare Dunkin Donna definita come “l’esempio di come una girl-song dovrebbe essere”, i ragazzi ci dicono anche che “I Manges ci hanno introdotto al mondo del Pop Punk Europeo. La quantità di nuova musica che abbiamo ascoltato grazie a loro ci mette in condizione di essere in debito con loro per sempre“.

Gli Hateful Julie dal Colorado invece ci dicono che “abbiamo scoperto i Manges tramite band come Queers, Screeching Weasel e i Ramones, ovviamente. Abbiamo sempre ammirato band come loro che rifiutano ogni tipo di compromesso. Abbiamo scelto Now or Never perchè è nel loro primo album ed è proprio una piccola gemma nascosta. C’è sempre molto sentimento nel primo album di una band e ciò mi affascina molto!“.

Ci dirigiamo verso la California, e sentiamo cosa hanno da dirci i RindsI Manges sono stati tra le prime band pop punk che ho ascoltato. Li ho visti per la prima volta nel 2007 a San Francisco con i Methadones e i Queers. Grande show. E’ fantastico che ancora pubblicano dischi dopo tutti questi anni. Abbiamo scelto In The Van per le strofe da sing-a-long e per il ritornello super-incisivo, mi vengono in mente quel tipo di canzoni come “Judy is a Punk” che sono sempre un poco sottovalutate“.

Infine per l’ ultima band, torniamo in Europa, più precisamente andiamo a Hønefoss in Norvegia per cedere la parola a Rocky degli Skullingtons che ci dice “Quando i Ramones si sciolsero i Manges erano lì per prendere in mano la torcia e mantenere il fuoco vivo ed essere seguiti dagli altri, da allora non hanno smesso di farlo. Credo che senza gli amigos di Las Pezia la scena europea neanche sarebbe esistita. Insieme con Johnny abbiamo scelto My Rifle perchè è la nostra canzone preferita, l’abbiamo provata con il resto della band e ci è venuta bene, aggiungendo anche una parte in Norvegese“.

Con questo post finale, abbiamo concluso le presentazioni delle band, abbiamo ancora qualche piccola sorpresa… stay tuned for more Rock n Roll!

Honey
Facebook: https://www.facebook.com/honeypunkstuff/
Twitter: https://twitter.com/HoneyPunkRawk

The Prozacs
Facebook: https://www.facebook.com/TheProzacs/
Bandcamp: https://theprozacs.bandcamp.com/

Parasite Diet
Facebook: https://www.facebook.com/parasitediet
Bandcamp: https://parasitediet.bandcamp.com

Hateful Julie
Facebook: https://www.facebook.com/hatefuljulie/
Instagram: https://www.instagram.com/hauntedrobotltd/

The Rinds
Facebook: https://www.facebook.com/therinds1/

Skullingtons
Facebook: https://www.facebook.com/theskullingtons

< INTERVISTE PRECEDENTI >

The Manges Tribute Album – Mom’s Basement Records presents Teenage Bubblegums



Eccoci qua con l’ultima presentazione!
E’ stato un lavoro lungo e faticoso a cui ho dedicato davvero molto del poco tempo libero che ho a disposizione, ma è stato davvero un piacere promuovere con tutto me stesso questa uscita. Le sorprese non sono ancora finite e ancora bolle qualcosa in pentola, tenete quindi gli occhi aperti, campers!

Ultimi – ma non per importanza – ad essere intervistati sono i cari Teenage Bubblegums da Forlì; nonostante la giovane età dei 3 membri, sono una band che vanta ormai una carriera decennale, con 3 album e 2 split all’attivo, diversi tour in Europa e anche uno recente negli Stati Uniti.
Nel corso degli anni la band è riuscita a farsi apprezzare un po’ ovunque, creandosi una fanbase di tutto rispetto sicuramente contenta della partecipazione dei ragazzi al tributo dei Manges.
Mi son trovato quindi a scambiare due chiacchiere con Ally, cantante e bassista della band, che ci dice “I Manges sono una delle ragioni per cui abbiamo iniziato a suonare. Non hanno mai smesso di andare in giro o registrare, hanno fatto la storia ed è una storia enorme. Voglio dire, sono un grande simbolo di cosa è una vera band. Inoltre, suono anche nei Veterans con Andrea, posso dire quindi che siamo abbastanza vicini a loro“. Poche parole, ma dal significato chiaro: un’altra band nata sulle orme degli spezzini.
Ally continua dicendoci “Abbiamo scelto Stalag 17/ Good Morning Campers perchè è una delle canzoni più vicine al nostro sound, abbiamo preferito scegliere un brano con il suono più duro che melodico e questa canzone lo rappresenta“.
Dopo aver avuto modo di intervistare tutte le band del tributo, è sotto gli occhi di tutti che è emerso un senso comune di rispetto e di ammirazione che credo poche band possano vantare in Italia. Anzi, credo di non esagerare se dico addirittura nella scena punk rock mondiale.
Mi ritrovo quindi a chiudere nella stesso modo in cui è iniziato questa avventura: All Hail The Manges!

TEENAGE BUBBLEGUMS

FACEBOOK: https://www.facebook.com/teenagebubblegums
STREAMING: https://teenagebubblegums.bandcamp.com/

< INTERVISTE PRECEDENTI >

The Manges Tribute Album – Mom’s Basement Records presents Proton Packs



Tra il sottoscritto e Mr. John di Mom’s Basement Records si è creato proprio una bel rapporto, parliamo spesso tra di noi, quasi sempre di punk rock ma anche d’altro..qualche settimana fa un po’ per caso abbiamo scoperto che entrambi avremmo contribuito alla realizzazione di un disco:la prima vera collaborazione tra di noi come label.

Il disco in questione è il prossimo split dei toscani Proton Packs (momento spam: puoi pre-ordinarlo qui): tutto questo giro per dirvi che anche loro hanno contribuito alla realizzazione del tributo ai Manges.
L’intervistato di oggi, è Matt, batterista nonchè una delle due voci principali della band, che a proposito dei Manges ci dice “È facile adesso sottovalutare cosa volesse dire formare un gruppo punk rock nel 1993. Erano davvero altri tempi… niente internet, poche band e ancor meno locali. Per tenersi in contatto con il resto della scena servivano tanta passione e olio di gomito. È incredibile che i Manges siano riusciti a mantenersi vivi e produttivi per tutti questi anni. La cosa che più ci piace del loro approccio è che non hanno mai esagerato buttando fuori troppi dischi o facendo troppi live. Sono riusciti a rimanere un punto di riferimento per gli altri gruppi della scena e, allo stesso tempo, hanno mantenuto un alone di mistero che invoglia i fan a desiderare altre sorprese dalla band. Urrà per i Manges!
Sinceramente, credo che Matt sia stato in grado di concentrare in poche righe la vera essenza dei Manges, posso solo condividere in pieno la sua opinione al riguardo.
Ma adesso è il momento di svelare anche il pezzo che hanno scelto “Abbiamo scelto 80’s Soldier perché abbiamo sempre adorato i loro pezzi più cupi. Nella nostra mente questo brano parla di un Dee Dee nella sua fase più oscura, afflitto dai problemi di dipendenza ma al contempo capace di scrivere alcune delle sue canzoni più belle e inquietanti di sempre. Stay clean, kids!”

PROTON PACKS

FACEBOOK: https://www.facebook.com/theprotonpacks
STREAMING: https://protonpacks.bandcamp.com

< INTERVISTE PRECEDENTI >

The Manges Tribute Album – Mom’s Basement Records presents Giant Eagles and reveals Cover Art



Per una band decisamente originale e che ha fatto del mistero il proprio marchio di fabbrica, oggi faremo un post diverso dagli altri: presentiamo i Giant Eagles e sveliamo anche la cover art.
Ma andiamo per gradi. I Giant Eagles sono un super gruppo (da studio) di Rotterdam formato da Marien Nicotine (ex-Apers, The Windowsill) e Simon Speechless (Ragin’ Hormones, Lulabelles, ex-Accelerators) nel 2005 quando hanno iniziato a lavorare alle prime canzoni. Insieme con Ivo Backbreaker (Apers, The Windowsill, Lone Wolf) e Ox Accelerator (Accelerators, Jizz Kids, Lone Wolf) nel 2013 hanno finalmente registrato Giant Egos: un album accolto benissimo anche dai criticoni del punk rock con un giudizio positivo pressocchè unanime.
Da allora, praticamente il silenzio… d’altra parte i componenti della band sono molto impegnati con le rispettive proprie band principali ed averli in questo tributo è sicuramente un valore aggiunto. Abbiamo tentato di scambiare due chiacchiere con la band, che fugacemente danno un suggerimento ai Mangespensiamo che potrebbero essere una band migliore se cambiassero il nome in Giant Manges“. Effettivamente non suona così male, vero?
A questo punto gli abbiamo chiesto informazioni sul pezzo scelto, e il motivo non può che essere così chiaro “Abbiamo scelto Lone Commando perchè è in grado di farci drizzare le penne“.
Ermetici e sinteci al punto giusto, insomma!! Ma le novità non finiscono qui. In attesa di poter farvi ascoltare la compilation, approfittiamo del post odierno per svelarvi la copertina dell’album opera di Tommaso Eppesteingher in arte Tommy, a dispetto del cognome livornesissimo, lavora come insegnante di disegno e storia dell’arte nei licei, nonchè collabora con il mitico Vernacoliere.

Non sono affatto un critico d’arte, anzi ammetto di non capirci proprio nulla, posso solo dire che la prima volta che ho visto la copertina ho detto “Minchia, che bomba!”.

GIANT EAGLES

FACEBOOK: https://www.facebook.com/GiantEagles
STREAMING: https://shieldrecordings.bandcamp.com/album/giant-eagles-giant-egos

< INTERVISTE PRECEDENTI >

The Manges Tribute Album – Mom’s Basement Records presents The Ponches



Mom’s Basement Records sin dai suoi primi passi ha seguito con grande interesse il punk rock europeo e in particolare la scena italiana, motivo per il quale nella compilation tributo ai Manges sono presenti diverse realtà italiane. Non sarà sfuggito certamente al caro John un certo legame tra i Ponches e i Manges; un po’ per le chiare affinità musicali un po’ per la collaborazione con Andrea Manges nel 2012 per la realizzazione di The Long Goodbye… e se consideriamo anche che Lorenzo è il batterista dei Veterans la presenza dei Ponches sulla compilation è più che ovvia.
Abbiamo avuto modo di intervistare brevemente Zack, cantante e chitarrista della band che ci dice “La mia folgorazione mangesiana è avvenuta nei primi 2000, quando Lorenzo mi passò la cassetta del live dei Manges a El Paso di Torino, penso del ’97; l’ho ascoltata ininterrottamente per mesi e ricordo ancora tutte le frasi di Andrea tra un pezzo e l’altro, da “noi siamo i Manges e ci piacciono Happy Days, gli anni ’50 e i Ramones” a un mai banale “non sento la chitarra in spia”. Da lì in poi mai più ho smesso di ascoltarli e si può dire, che i Ponches nascono anche grazie a loro”.
Quanti di voi hanno quella cassettina? Non è affatto facile da trovare in giro e i pochi che la possiedono se la tengon ben stretta: i Manges erano una band solo da un paio di anni, c’era ancora Hervé alla chitarra e forse in pochi avrebbero immaginato una bella carriera per quattro giovani ragazzi di La Spezia!
Vediamo un po’ che pezzo hanno scelto “Mah, è stato semplicissimo, tra noi abbiamo sempre concordato sul fatto che in quel periodo i Manges fossero super ispirati e che nello split con i Queers ci siano tra le cose migliori che hanno scritto, forse seconde solo ai pezzi di Go Down. In particolare Saving Private Pierson è semplicemente perfetta”.
Ottima scelta.

THE PONCHES
FACEBOOK: https://www.facebook.com/ThePonches/
STREAMING: https://theponches.bandcamp.com/
WEBSITE: http://theponches.blogspot.it/

< INTERVISTE PRECEDENTI >

 

The Manges Tribute Album – Mom’s Basement Records presents Neon Bone



Le battute conclusive di questo speciale ci portano di nuovo in Europa, più precisamente a Munster, Germania per parlare dei Neon Bone: la scelta odierna non è affatto casuale visto che mancano solo pochi giorni prima dell’inizio del loro tour italiano; ne approfittiamo per dare un po’ di spazio a Lars, cantante della band, per introdurli e parlare un po’ del tributo ai Manges ormai pronto ad essere ufficialmente pubblicato. Doppio strike, insomma.

Nome già noto a molti di voi, nel corso degli anni abbiamo avuto modo di recensire più volte i Neon Bone notando ogni volta un costante miglioramento e un’inossidabile fedeltà alle melodie tipiche della scuola Lookout anni ’90 unite con un certo approccio lo-fi degno dei migliori M.O.T.O. o Spits giusto per fare qualche nome.
Ma andiamo al dunque, anche Lars nutre una notevole ammirazione per i Manges e non fa niente per nasconderlo, raccontandoci un bel aneddotto “I Manges hanno suonato al Punk-Fest che organizzo con gli amici nella nostra città e sin dal primo momento abbiamo avuto la sensazione che sarebbe stato il miglior giorno della nostra vita. Li amo per la loro attitudine. Non hanno più niente da dimostrare, ma continuano a farlo durante ogni loro concerto, con ogni disco che pubblicano e dovunque loro si trovino. Ho sempre tenuto d’occhio questi ragazzi e lo farò per sempre”.
Per quanto riguarda la canzone coverizzata Lars ci dice “Ho scelto 10 Shots perchè è melodica, ha un bel ritmo è ha una certa atmosfera oscura. Proprio come piace a me!”
Beh, non ci resta che aspettare ancora qualche giorno prima di poter ascoltare finalmente la compilation, nel frattempo facciamo un caloroso in bocca al lupo a Lars & i suoi Neon Bone per il tour!

NEON BONE

FACEBOOK: https://www.facebook.com/neonbone
STREAMING: https://neonbone.bandcamp.com

< INTERVISTE PRECEDENTI >

The Manges Tribute Album – Mom’s Basement Records presents The Radio Buzzkills



Come avrete ben notato, negli ultimi giorni abbiamo decisamente accelerato nel presentare le band; la compilation inizia a prendere forma, la tracklist si sta delineando e mancano ancora solo una manciata di band da annunciare. In questo articolo presenteremo i Radio Buzzkills quintetto di St. Louis, Illinois.
Sono sincero, non conosco moltissimo la band, tranne qualche manciata di informazioni reperite su Facebook; vedo che hanno all’attivo 3 EP e un’album Get Fired appena uscito che è decisamente interessante.
Alla fine il bello delle compilation è anche questo: in mezzo a tante band che conosci e ami hai la possibilità di trovare un nome nuovo che ti incuriosisce e ti spinge ad approfondire, vero?
Abbiamo avuto modo di scambiare di due chiacchiere con Zac, cantante della band che riguardo la loro partecipazione alla compilation ci dice “I Manges hanno guidato generazioni di punk attraverso quella tipica angoscia adolescenziale con una costanza che poche pop-punk band hanno avuto. Rappresentano la rara perfezione nel pop punk; crudi, emotivi, onesti e seri. Se ci fosse un Monte Rushmore del Pop-punk, i Manges dovrebbero essere lì“.
Onestamente non avevo mai pensato a qualcosa del genere come un Monte Rushmore per celebrare una band… curioso come omaggio, vero?
Zac ci spiega anche come i Radio Buzzkills abbiano scelto il pezzo da coverizzare “Ho preso Teen Punks In Heat degli Screeching Weasel il giorno in cui uscì nel 2000. L’album era piacevole, un ritorno sottovalutato del Ben arrabbiato che tutti conosciamo e amiamo. Ma una canzone, “I Will Always Do” mi colpì in particolare. Davvero la canzone era una cover di alcuni ragazzi chiamati Manges? Nelle settimane seguenti diventai ossessionato dai Manges. Come in Matrix, ho collegato un tubo direttamente nel mio cervello per cercare di assorbire il più possibile informazioni della band. Poco dopo, nel 2006, I Manges hanno pubblicato Go Down. Non lo vedrai mai in nessuna lista Top 10 di PunkNews, ma nella mia mente è il più grande album punk pop mai realizzato. E’ stato un onore scegliere una canzone di quel disco ed interpretarla. Come band dal vivo i Manges sono veloci e furiosi come poche band punk rock. Abbiamo provato davvero tanto a dare questa sensazione alla Manges nella nostra cover. È stato un onore coverizzare una delle mie canzoni preferite del mio album preferito di sempre.
Speriamo che Vengeance is Mine sia di vostro gradimento. Non c’è più grande onore che fingere di essere i nostri eroi, anche se è solo per 1 minuto e 46 secondi.

THE RADIO BUZZKILLS
STREAMING: https://theradiobuzzkills.bandcamp.com
FACEBOOK: https://www.facebook.com/theradiobuzzkills

<INTERVISTE PRECEDENTI >

The Manges Tribute Album – Mom’s Basement Records presents Volkov



Considero la sezione webzine di IBR come la mia isola di pace, dove potermi aggrappare nei momenti di tensione e sfogarmi un po’ parlando di musica e di argomenti che mi piacciono…
Ho sempre evitato di parlare delle mie band per non provare una certa sensazione di imbarazzo per l’auto-marchetta, ma eccomi qui a parlare dei Volkov e intervistare uno dei miei compagni (alla fine non ho capito neanche chi ha risposto).
Per chi non mai ha avuto la “fortuna” di imbattersi nei Volkov, vi dico che ci siamo formati circa 3 anni fa dopo lo scioglimento dei meravigliosi Drawing Dead; il comandante Specianin e il suo fido scudiero Lollov hanno reclutato prima Silvakov alla batteria e dopo il sottoscritto al basso. Ed eccoci qua dopo un 7″ e uno split con i fratellini intelligenti dei MEGA a partecipare al tributo dei Manges organizzato da quel santo uomo di John della Moms Basement Records, che ha sempre creduto in noi e che non finirò mai di ringraziare.
Detto questo, qualche settimana fa ho scritto nella chat del gruppo: “Ragazzi, come avete notato sto intervistando tutte le band del tributo ai Manges, mi sa che tocca anche a noi; ovviamente non posso auto-intervistarmi chi vuole rispondere? Mi raccomando un minimo di serietà“. Silenzio assordante. Dopo qualche settimana:

Specianin: File allegato “manges.txt”
Specianin: Lollov giro le risposte anche agli altri, per me vanno benone, grazie
Io: Minchia Lollov, sei meglio di Pascoli!
Lollov: ahahah, sei il più grande cazzaro che io conosca… ovviamente è un complimento
Io: Ma scusa non l’hai fatta tu? E’ firmata Lollov!
Lollov: Io ho solo firmato

Ed è così che più o meno è andata. In realtà questo è solo un esempio di una tipica conversazione dei Volkov. Ma cosa c’era scritto in quel txt? Sveliamone il contenuto:
“I Manges sono magia…
I Manges sono l’arcobaleno dopo una giornata di pioggia…
I Manges sono una lacrima sul viso…
I Manges sono amore…
I Manges sono un cane che scodinzola felice appena torni a casa…
I Manges sono storia…
I Manges sono poesia…
I Manges sono un pugno nello stomaco ogni volta che li senti…
I Manges sono la colonna sonora della tua storia d’amore…
I Manges sono un bagno la notte di ferragosto…
I Manges sono quel che ti ha detto la tua ragazza la prima volta che le hai chiesto di uscire…(nel mio caso “e tu chi cazzo sei? vattin!)
I Manges sono il sorriso di un bambino…
I Manges sono quella sigaretta dopo il caffè…
I Manges sono fare l’amore…
I Manges sono l’abbraccio di un amico…
I Manges sono la partita di calcetto del Giovedì sera…
I Manges sono il rigore di Grosso in Germania…
I Manges sono qualsiasi cosa vogliate che siano, anzi che “sentiate”…”
Ok, il  file txt non è finito qui e bisogna ancora svelare come abbiamo scelto il pezzo da coverizzare “Volevamo un pezzo tipo “pugno in faccia”, breve e diretto, in modo da rovinarlo il meno possibile, e Anti-Heroes ci è sembrato perfetto. Ma a quanto pare non ci siamo riusciti: Silvakov, in perfetto stile sovietico, si è imposto sulla band, pretendendo di “rappare” tutta la seconda strofa. Colgo l’occasione per promettere a John che nell’imminente tributo ai Ratbones faremo meglio“.
Il vostro Lollov.

VOLKOV
FACEBOOK: http://www.facebook.com/volkov.red.army
STREAMING: https://ocwrecords.bandcamp.com/album/planet-13-7-ocw-021

<INTERVISTE PRECEDENTI >