The Manges Tribute Album – Mom’s Basement Records presents The Vapids



Dopo aver alternato band europee e statunitensi, adesso giunge il momento di dirigersi verso il Canada e presentare i Vapids. Oddio, sinceramente non credo che abbiano bisogno davvero di tante presentazioni, quindi piuttosto che ripercorrere la loro storia, vi parlerò brevemente del mio rapporto con Jimmy e i Vapids. Ricordo ancora quando scoprii per la prima The Point Remain The Same fu come ricevere una carica di elettroshock: Jimmy & soci riuscirono nell’ardua impresa di realizzare un disco estremamente fico privo di ritornelli, melodie e di qualsiasi struttura standard nella composizione di un brano punk rock: qualcosa di unico e raro in un genere che tende a standardizzare qualsiasi cosa. Durante il primo Punk Rock Raduno ebbi infine il piacere di conoscere Jimmy e da allora è nata una grande e sincera amicizia che va al di là della semplice passione comune per il punk rock.

E’interessante capire l’intreccio che nasce dalla partecipazione dei Vapids al tributo: come farà un gruppo che ha fatto dell’anti-melodia il suo cavallo di battaglia a coverizzare una band con i Manges? Ne abbiamo discusso un po’ con Jimmy, cantante e chitarrista della band che ci ha parlato per prima cosa del suo legame con i MangesQuando ho scoperto i Manges a metà anni novanta è stato come una di quelle esperienze che alterano la mente. Era tutto molto sorprendente. E qui siamo entrambe le band, nate nel 1993, influenzate dallo stesso tipo musica e dalle stesse band, pubblicando i nostri dischi, dedicandoci a tu ciò che è DIY. Ancora di più, io e Andrea siamo nati lo stesso giorno dello stesso anno, entrambi cantiamo e suoniamo la stessa chitarra ( la stessa chitarra da quest’anno! ) e stranamente entrambi assomigliamo a famose superstar di Hollywood ( io – John Cusack, Andrea – George Clooney), entrambi siamo un po’ bassi, entrambi abbiamo smesso di fumare lo stesso anno, entrambi guidiamo auto blu di media grandezza, entrambi pensiamo che il SOL# è il miglior accordo per iniziare una canzone punk rock (perchè dopo ogni volta automaticamente c’è il MI). Voglio dire, le similitudini tra di noi sono semplicemente innegabili. Come band è innegabile la loro importanza nell’universo del punk rock. Grandi canzoni, ragazzi fantastici, dedizione (adesso più che mai) e la lista potrebbe continuare. E anche il fatto che come band migliorano ogni anno. Dio benedica internet, e dio benedica i MANGES “.
Ma adesso è il momento di svelare un curioso aneddotto sul pezzo scelto dai Vapids e sempre Jimmy al riguardo ci dice “Andrea ha suggerito questa canzone specialmente per noi. Mi ha detto che la sua versione originale della canzone – Secret Agent In East Berlin – era una sorta di ballad, più lenta del solito e molto molto diversa da quella che appare su Go Down. Mi disse di credere che le nostre canzoni più lente sono tra le sue canzoni punk rock lente preferite di sempre. Quando uscì la voce sul tributo, è stato difficile per me scegliere quale canzone fare, quindi gli chiesi quale pezzo ritenesse fosse la scelta migliore per noi, mi ha raccontato la storia della canzone, e ha pensato fosse perfetta per noi. La versione originale su Go Down è il perfetto esempio della semplice magia che i Manges hanno. La canzone spacca. La nostra versione è molto personale. Mi è stato detto che suona come Cherry Bomb delle Runaways
Ho avuto la fortuna di ascoltare il pezzo in anteprima lo scorso anno la domenica Post-Punk Rock Raduno: come già anticipato da Jimmy è una vera e proprio reinterpretazione della canzone ma fidatevi, la cover spacca davvero.

THE VAPIDS:

BANDCAMP: https://the-vapids.bandcamp.com/

< INTEVERVISTE PRECEDENTI >

Jimmy Vapid – 2013 – Humble Beginnings

Correva il lontano anno 1999, il punk rock era ancora in ottima salute, ed io ero uno sbarbatello 15 enne che iniziava ad appassionarsi alla musica. Ricordo come fosse oggi quando un mio caro amico, qualche anno più grande di me, mi prestò Short Music For Short People, dicendomi che se davvero mi interessava il punk rock, in questa compilation avrei trovato la risposta e probabilmente tante band interessanti. Effettivamente aveva ragione: c’erano 101 bands con pezzi di 30 secondi ciascuno e almeno metà di quelle band sono tutt’ora tra le mie preferite. Ma perchè questa inutile prefazione?

Beh, perchè mi piacerebbe pensare che Jimmy Vapid abbia realizzato questi pezzi ispirandosi un po’ a quella compilation, visto che è riuscito nell’ impresa di mettere 28 pezzi (14 per lato) in un 7”… e non sbuffo nemmeno all’idea di dovermi alzarmi dal divano per cambiare lato, quindi per quanto mi riguarda…ha fatto goal.
Per rendere il tutto più gustoso, Jimmy ha utilizzato un approccio totalmente DIY, registrando nel fienile di casa sua, con una batteria da 70$ (con un piatto rotto!), microfoni da quattro soldi (probabilmente quelli del Canta Tu) e amplificatori da 5-10 Watt. Tutto troppo interessante per passare inosservato, cosicché Carlo ci ha messo le mani sopra, ed ecco che il cerchio si chiude con la pubblicazione sotto la Surfin’ Ki Records.
Il disco è uscito all’inizio del 2013 ma solo poche settimane fa, sono stato in grado di ascoltarlo… credo che tuttavia valga la pena dare un po’ di spazio perchè probabilmente in molti non ne sono a conoscenza.
Ma come sono i pezzi? Come ve li potete immaginare. Suonano come brani super essenziali, suonati veloci e sporchi come se fossero le demo dei primissimi Ramones ma con lo stile degli ultimi Vapids (di The Point Remains The Same, per intenderci). Non fa in tempo ad entrarti un pezzo in testa, che già ne parte uno nuovo, e questa cosa un po’ mi scombussola.. e mi spinge ad ascoltare ancora una volta. E ancora un’altra volta. E ancora. E ancora. Un po’ per capire bene i pezzi, un po’ per ricordare qualche mini strofa, e un po’ perchè mi piace davvero. E poi se mi mette una cover di Daniel Johnston, come faccio a non volergli bene?
Il mio consiglio è di comprarvelo, il Surfin’ Ki Store ha ottimi prezzi e speciali Deal Packs per accaparrarvi anche gli altri lavori di Jimmy Vapid. Fateci un salto e riempite il carello, tanto Short Music For Short People, potete scaricarvela senza problemi che a nessuno importa!

Tracklist
Side A
01 – Square Head Round Hole
02 – Something Is Wrong With You
03 – One Step Ahead
04 – Famous Monkeys
05 – Dead Beatles
06 – Blame Game
07 – Burning My Skin
08 – Hardest Questions
09 – Misfortune Teller
10 – A Guiding Light
11 – Man Manaquin
12 – Cookie Of Fortune
13 – Rock And Roll Loser
14 – Deviltown
Side B
01 – Superman Garbageman
02 – Big in toronto
03 – Dollar store microphones
04 – Judy is a judge
05 – Telepathic connection
06 – No more friends
07 – Up Hill Both Ways
08 – Famous Horses
09 – Johnny No-Frills
10 – My City
11 – Electric Manifesto
12 – Big Surprise
13 – In Another Light
14 – Rats Of The Harbour

These songs were written, recorded and performed by J. Vapid.
Except for DEVILTOWN and NO MORE FRIENDS.